In soccorso del cavallo maltrattato e abbandonato

cavalli

Questa è una realtà Centinaia di cavalli vengono maltrattati, abbandonati e alcuni muoiono per mano dei loro custodi in quanto è stato uno degli ultimi casi più drammatici e che ha portato alla prima condanna in Spagna per abuso di animali. Quest'uomo ha ucciso il suo cavallo da corsa Sorky dopo un brutale pestaggio in pista dopo aver perso una competizione.

Ma non tutto è una brutta notizia, anche se abbiamo ancora molto da fare in questo campo, le associazioni ei volontari stanno cercando e salvataggio di cavalli maltrattati e abbandonati dai loro proprietari o vivono in condizioni estreme finché non muoiono di fame o di fame.


En Alhaurín de la Torre (Malaga) c'è un'Associazione che è proprio l'altra faccia buona della medaglia. È un ostello che ha un enorme fattoria per cavalli abbandonati e soprattutto maltrattati che sono stati salvati dai loro proprietari. Ci sono anche più animali ma i cavalli, forse per la loro immensa sensibilità e profonda spiritualità, attirano molta attenzione.

Tutti i cavalli che vivono lì sono state vittime di maltrattamenti e abbandono da parte dei loro proprietari, molti sono apparsi nelle fogne o vagano senza meta e affamati. Ed è che ora, ci vuole per lasciare i cavalli abbandonati quando non possono essere mantenuti o non soddisfano gli obiettivi dei loro custodi.

In questo ostello ogni cavallo ha la sua storia. Ogni cavallo arriva al centro con i suoi problemi fisici ed emotivi e ognuno guarisce e guarisce al proprio ritmo. I cavalli in realtà non mostrano sofferenza come i cani, che abbaiano, la subiscono in silenzio e ci sono momenti in cui è difficile scoprire di essere maltrattati, anche se per lo più i cavalli tendono a fuggire dalla violenza, quindi ce ne sono molti che si perdono e vagano senza meta.

Per fortuna sono tanti gli esemplari che riescono a essere salvati dopo essere stati abbandonati dai proprietari nelle fosse senza cibo né acqua. Ce ne sono sempre di più reclami da parte delle persone che conoscono casi di abbandono e abuso. Ma sono necessari più aiuti per espandere questi tipi di rifugi.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.