Come i cavalli riconoscono le espressioni umane

espressioni

Secondo uno studio, i cavalli possono riconoscere determinate espressioni facciali umane come gioia o rabbia e lo fanno attraverso l'occhio sinistro.

I ricercatori, guidati dalla dott.ssa Amy Smith, hanno analizzato la reazione di 28 cavalli dopo aver presentato loro fotografie con il volto di un maschio che mostrava entrambi sentimenti sia positivi che negativi e tutti l'hanno ricevuto attraverso gli occhi.


Tutti gli animali mammiferi usano il emisfero destro per ricevere emozioni che catturano attraverso l'occhio, essendo incaricati di elaborare tutte le informazioni negative. Gli scienziati hanno anche scoperto che la frequenza cardiaca di questi animali è aumentata in modo significativo quando sono stati esposti a facce arrabbiate o arrabbiate.

I cavalli hanno mostrato un 'risposta più forte alle espressioni negative rispetto a quelle positive", Il che è dovuto all'importanza che attribuiscono" al riconoscimento di possibili minacce nel loro ambiente ", afferma il medico del progetto. "Riconoscere i volti arrabbiati diventa un sistema di allarme che consente ai cavalli di anticipare il comportamento umano negativo", ha osservato il ricercatore.

Si è concluso che i cavalli possono riconoscere le emozioni delle persone a causa dell'evoluzione vissuta e del loro addomesticamento, questo avrebbe permesso l'eche adattano e interpretano il comportamento di uomini e donne. I ricercatori hanno notato che i loro risultati dimostrano l'impatto che il comportamento umano ha su questi animali.

Dopo l'esperimento, ha messo sul tavolo il dilemma e diverse domande. È una reazione innata, forse il risultato di anni di coevoluzione con gli umani? Oppure è un'abilità appresa, una per una, anche come conseguenza del interazione costante con i bipedi?

"I cavalli possono aver sviluppato una capacità ancestrale e istintiva di interpretare le nostre emozioni", conclude il coautore dello studio. “Ma in alternativa, è anche un'abilità che può essere appresa e ha perfezionato ogni cavallo da solo e per la sua esperienza negli anni ».


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.