Il cavallo Oldenburg, il più pesante dei sangue caldo tedeschi

Cavallo Oldenburg

Fonte: Wikipedia

Oldenburg Horses, noto anche come Oldenburg, lo sono equini a sangue caldo della Bassa Sassonia nordoccidentale, già Granducato di Oldenburg.

La pesante costituzione della razza Oldenburg, ha fatto sì che questi equini fossero presente in numerose battaglie. Un cavallo che era ideale come cavallo da carrozza e che nel tempo ha guadagnato fama come cavallo da sella. È un equino molto versatile, che si distingue in diverse competizioni equestri, di cui parleremo più avanti.

Inizia la storia del cavallo Oldenburg all'inizio del XVII secolo. Il fama e notorietà che questo equino acquisì in tutta Europa, è in gran parte dovuto al conte Anton Günter von Oldenburg. Detto Conte, oltre ad essere un famoso cavaliere, fu un grande difensore di questa razza di cavalli tedeschi.

Oldemburg, anche all'interno degli hotblood, possiede uno stile espressivo ed elastico con molte sospensioni. Inoltre, la qualità della camminata, del trotto o del galoppo è molto buona.

Come sono?

Con un ascensore tra 160 e 172 cm alto al garrese, è considerato una delle più grandi razze tedesche di cavalli da sella.

Ha una testa a profilo rettilineo che è un po 'grezzo e si basa su a collo lungo e spesso. Le sue spalle sono molto muscolose e il petto piuttosto ampio. Hanno una schiena forte e a ottima profondità lomar. loro gli arti sono piuttosto corti e con garretti ben disposti.

Tra l' Oldenburg più moderno, il arti piuttosto lunghi e grande espressività sulle teste.

Sebbene il suo mantello possa ammettere colori diversi, il più comune è quello di trovare strati marroni, neri, castani e frutti di bosco.

Per quanto riguarda il carattere, sono animali docile ma con un pizzico di audacia. Inoltre, sono equini quello maturano molto presto e mostrano tremendamente fedele ai loro custodi e proprietari.

Il moderno Oldenburg, si distingue per il segno della "O" e sopra una corona, che è disposta sul fianco sinistro.

Marchio del cavallo di Oldenburg

Fonte: Wikipedia

Un po 'di te storia

I cavalli che popolavano la regione di Oldenburg prima del XVII secolo erano equini piuttosto piccoli e piatti, ma erano abbastanza forti da lavorare il terreno pesante della costa frisone.

Gli inizi della razza

Uno dei primi a mostrare interesse per l'allevamento di cavalli in quella specifica area, lo era Conte Johann XVI, che comprò Frederiksborgers dalla Danimarca, raffinati cavalli turchi, potenti cavalli napoletani e cavalli andalusi. Il suo successore, il già nominato conte Anton Gunther, aggiunse a tutti questi equini i cavalli più desiderabili dell'epoca. Inoltre, ha messo a disposizione degli inquilini degli stalloni.

Nel corso del tempo gli equini di Oldenburg si sono trasformati in cavalli di lusso per eleganti carrozze cavalcabili. E poi erano ottimi equini per i lavori agricoli.

fieno tre momenti importanti che dobbiamo evidenziare nella storia di questa razza in quanto hanno contribuito a plasmarla. Sopra 1820, lo stallone Oldenburg è stato approvato per la prima volta. Sopra 1861, questa razza è stata introdotta nel registro di razze tedesche. Infine, nel 1923, il libro di studio sui cavalli di Oldenburg e il libro di studio sugli equini di Ostfriesen furono fusi e Fondazione dell'Associazione degli allevatori di cavalli di Oldenburg di oggi.

Il grande cambiamento della gara

Il cavallo di Oldeburg, come è usuale in molte razze, ha subito varie modifiche al lago della sua storia. Questi cambiamenti lo hanno portato a diventare la razza che possiamo apprezzare oggi. Questi equini sono diventati considerato uno dei cavalli più adatti per le corse e le competizioni equestri, soprattutto dressage e attraillados, tutto dovuto al notevole miglioramento delle caratteristiche e delle abilità che li definiscono oggi.

Nel corso della sua storia, la razza Oldenburg ha ricevuto un'impressionante varietà genetica. Razze come i napoletani, gli andalusi, i berberi, la baia di Cleveland, i normanni e i purosangue, hanno plasmato gli Oldenburg.

La razza è stata costruita su una fondazione composta da fattrici e carrozze per tutti gli usi.

La razza aveva una miriade di usi: cavallo da carrozza, cavallo d'artiglieria, cavallo da fattoria. tuttavia con l'avvento della meccanizzazione, negli anni Cinquanta e Sessanta, sono stati sostituiti in quei compiti che avevano svolto. La necessità di cavalli da trasporto è stata notevolmente ridotta nel XX secolo. Tuttavia, l'aumento del tempo libero e l'equitazione ricreativa hanno indotto gli allevatori di Oldenburg a cambiare la direzione della razza. Hanno cercato di inventare cavalli da sella che avrebbero avuto la stessa fama dei loro cavalli da carrozza. Le croci con purosangue inglese e normanno, hanno dato come risultando in una versatile sella equina.

Cavallo Oldenburg

Fonte: Youtube

La tecnologia e i progressi dell'inseminazione artificiale hanno fatto sì che gli stalloni non dovevano essere presenti per far parte della razza. Ciò ha indotto l'Oldenburg a continuare il suo cambiamento.

Con tutto questo mix genetico, non sorprende che la razza sia diventata una delle più complete. Sono ottimi cavalli da soma, gioca anche in particolare il lavoro agricolo, corona l'elenco di cavalli da trasporto, e inoltre, come abbiamo già accennato in precedenza, si distinguono nelle competizioni agonistiche ed equestri.

Oldenburg di oggi

Il moderno Oldenburg, seleziona stalloni e fattrici per la continuità della razza, in base alle qualità che possiedono come cavalli da dressage e da salto. Inoltre, i cavalli di Oldenburg hanno gareggiato in Dressage alle Olimpiadi.

L'Associazione Oldenburg o Verband ha approvato più di 220 cavalli e 7000 fattrici, oltre a quelli che fanno parte esclusiva del programma di riproduzione. Questo rende il libro di Oldenburg uno dei più grandi in Germania.

Oldenburg Verband ha un motto "La qualità è l'unico standard che conta". Già questo ci parla della ricerca dell'eccellenza nella razza. Ciò è evidente anche nel grande mix genetico di questi equini.

Loro mettono particolare enfasi sulle fattrici, alcuni dei quali risalgono agli antenati di Alt-Oldenburg.

Inoltre, ogni autunno, l'associazione celebra "Stallion Days" a Vechta, dove vengono valutati i giovani stalloni.

Spero che ti sia piaciuto leggere questo articolo tanto quanto ho fatto io a scriverlo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.