Staffe: la loro storia, quale scegliere e la corretta posizione del piede

Staffe

Le staffe sono uno dei elementi fondamentali per il ciclista quando si tratta di mantenere l'equilibrio sul cavallo. È un pezzo essenziale per la sicurezza del ciclista, il peso cade su di esso.

A tal fine, la scelta delle staffe è fondamentale, così come la corretta posizione del piede. Vediamo un po 'di più su tutto!

In una qualsiasi delle discipline di equitazione, la posizione dei piedi deve essere corretta Per mantenere l'equilibrio, qui è coinvolto un elemento essenziale: la staffa. Devi calpestare e portare la staffa sulla punta del piede.

Quando una staffa è ben sistemata, raggiunge l'osso della caviglia e lascia che la gamba penda liberamente dalla sedia. Qui entra in gioco la verifica che le azioni da cui pende la staffa abbiano una lunghezza adeguata al cavaliere.

Staffe

Qualcosa di importante da tenere in considerazione con le staffe, è non lasciarli mai appesi a meno che non si intenda cavalcare, poiché possono danneggiare il cavallo urtandoci contro o rimanendo impigliati in qualcosa. Il più conveniente è lportarli legati facendoli scorrere verso l'alto e facendo passare l'azione tra di loro per fissarli.

Le staffe nel tempo

Negli anni le staffe si sono evoluti nella forma e nei materiali. Raggiungere un punto in cui gli stessi corridori da competizione, insieme ai principali produttori del mercato equestre, hanno sviluppato prodotti dove hanno messo tutte le loro esperienze personali e professionali, aumentando sicurezza, comfort e qualità.

Come sono nate le staffe?

Ad un certo punto in XNUMX ° secolo della nostra era, sono stati progettati e ha iniziato ad essere utilizzato in Cina unos supporti per il piede che faciliteranno l'appoggio del cavaliere al cavallo. Sono stati eseguiti in ghisa e anche alcuni in bronzo e lo erano sospeso da cinghie.

Tuttavia, le staffe primitive che avevano la forma di un anello sono note e sono rappresentate nell'arte indiana già nel I secolo a.C. Questi antecedenti delle staffe, potevano essere molto sciolti e sembrava che fossero usati solo per montare, e, d'altra parte, altri la cui forma e rappresentazione suggeriscono che fosse inserito solo l'alluce. Tuttavia, non si sa con certezza se questi elementi rappresentati nelle antiche immagini dell'arte indiana, fossero davvero delle staffe.

Questa invenzione si stava diffondendo nel tempo. Temperare erano comuni nel V secolo tra alcuni popoli asiatici, in particolare gli avari, che li diffondevano.

Il primo Le staffe avarian erano pezzi circolari appiattiti sul fondo per sostenere meglio il piede. Avevano anche una specie di linguetta traforata nella parte superiore, dove era attaccata al cinturino sospensione. Alcuni studiosi lo affermano le staffe vennero in Occidente dalla mano degli Avari, quando questi in VI secolo sono venuti nell'impero bizantino. I Franchi si unirono presto per aggiungere questo pezzo alle loro selle.

Molte persone hanno apprezzato i vantaggi dell'utilizzo delle staffe. Questo elemento, ha aiutato il cavaliere ad avere un maggiore controllo dell'animale cavalcare. Inoltre, essendo responsabile del mantenimento della stabilità del ciclista, forniva a maggiore precisione nel tiro delle frecce da cavallo e facilitava l'uso di spade o altre armi. Pertanto, questa invenzione è stata anche un miglioramento nella guerra.

staffa di cavallo

A partire dal IX secolo si hanno testimonianze di numerose rappresentazioni di staffe in Europa.

Tipi di staffa

Non è possibile indicare quale sia la staffa migliore poiché entrano in gioco i gusti di ciascuna. Se possiamo dare qualche consiglio su cosa pensiamo dovrebbe avere una buona staffa.

La cosa importante quando si scelgono le staffe è quella fornire supporto totale al piede, in modo che nulla si muova in modo che il ciclista non debba preoccuparsi della corretta posizione del piede e concentrarsi sulla guida. In questo senso in La larghezza consigliata è di circa 1 cm su ciascun lato del piede. Con una staffa più larga il piede scivolerebbe e con una più stretto il piede sarebbe intrappolato in caso di caduta, cosa molto pericolosa per il cavaliere.

Inoltre, è necessario verificare la larghezza che il suola in gomma è ben fissata poiché questo elemento è quello che impedirà al piede di scivolare. Un'altra informazione importante è quella il suo design garantisce il rilascio del piede del cavaliere in caso di caduta.

Un altro dettaglio interessante è che la staffa avere peso, circa 3 kg. in modo che nel caso vengano rilasciati non vengano lanciati in nessuna direzione come con quelle staffe che pesano pochissimo. Così il cavaliere può recuperarli più facilmente.

stivaggio equestre

Vediamo ora i tipi di staffe che possiamo trovare:

Staffe classiche o inglesi

Sono i più utilizzati poiché il loro design è adatto a quasi tutte le discipline, tranne le corse. Le staffe classiche sono realizzate in acciaio inossidabile che incorporano perni in gomma.

Acquista - Nessun prodotto trovato.

Di sicurezza

Queste staffe incorporano nel loro design una gomma legata all'esterno in modo che in caso di caduta il piede del cavaliere venga rilasciato rapidamente e facilmente. In caso di caduta, questa gomma si allenterà o si spezzerà, rilasciando il piede.

Acquista - Staffe di sicurezza

Kornakoff

La sua caratteristica è che il suo design rende il tallone più basso della punta del piede. Ciò è dovuto al fatto che la scanalatura attraverso la quale passa l'azione è spostata verso l'interno e i rami della staffa sono inclinati in avanti.

Ramo australiano semplice o ondulato

Il ramo esterno della staffa è ondulato, questo impedisce al piede del cavaliere di rimanere intrappolato in caso di caduta.

Tipo curvo o gabbia

Hanno una curvatura o una gabbia rivolte in avanti. Questo tipo di staffa è consigliato a chi tende ad indossare troppo la staffa.

Spero che ti sia piaciuto leggere questo articolo tanto quanto ho fatto io a scriverlo.

Acquista - Nessun prodotto trovato.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.