Il cavallo nel Medioevo

Il cavallo Per molti secoli è stata una parte molto importante dello sviluppo dell'umanità, ed è per questo che in diverse fasi ha assunto diversi protagonismi, ad esempio durante il Medioevo, dove il cavallo appare chiaramente come parte delle storie del tempo e dove erano dettagliate tutte le attività a cui partecipavano con i cavalli, tenendo conto che a quel tempo gran parte delle attività ricreative, trasporti, militari, tra le altre erano effettuato con equini.

Una delle attività più frequentemente svolte aveva a che fare con il ruolo che i cavalli venivano svolti durante la ricreazione, dove ad esempio venivano usati dai cavalieri in imprese che simulavano battaglie o confronti con un altro guerriero, anche i tornei si tenevano dove erano vestiti con gli stessi vestiti e le stesse protezioni delle battaglie e dove partecipava l'intera città.

Ma in generale il cavallo aveva un ruolo troppo importante nel mondo medievale e per i compiti che gli venivano affidati venivano utilizzate razze che non esistono più e che molti storici hanno dovuto ricostruire a seguito di racconti, immagini e descrizioni che hanno saputo sopravvivere al passare del tempo.

In generale, è stato possibile stabilire che il cavallo era il protagonista in quasi tutte le attività di questo tempo, tenendo conto che tutti i trasporti, le battaglie, le comunicazioni, le attività ricreative e le attività come l'agricoltura e altre erano dipendenti dal cavallo, quindi è molto improbabile che molte delle cose che abbiamo lasciato da questo momento della storia sarebbero esistite se non avessero usato gli equini.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.