L'Hackney Horse e il suo caratteristico trotto alto

Hackney Horse

Fonte: Youtube

La razza di cavalli Hackney, chiamata anche Norflok Trotter, è di origine britannica ed è molto apprezzato per la sua grande versatilità. Il nome della razza deriva dal termine anglosassone hnegan, che significa nitrire. Questo termine si fonderebbe con il Normanno haqueneé che sarebbe una derivazione della parola latina equus. Già nella denominazione della razza possiamo cominciare a intravedere l'antichità di essa. Il termine Hackney è già scritto nel XIV secolo in Inghilterra.

Questi equini Si caratterizzano soprattutto per il trotto che possiedono, elevato e unico. È proprio da questo tratto che ha derivato il suo soprannome "L'aristocratico delle mostre". Li conosciamo un po 'meglio?

La razza Hackney, grazie al suo movimento al trotto e al suo portamento, è ben nota sui tracciati equini, distinguendosi nella modalità intoppo. Sono equini con buone attitudini al dressage, alle competizioni e all'esibizione. Pertanto, è facile trovarli in discipline come il salto, il dressage o le esibizioni di tiro.

Com'è il cavallo di Hackney?

Con un'altezza di circa 155 cm, stiamo guardando i cavalli intelligente e molto focoso. Puoi dire loro che lo sono cavalli potenti con una forma armoniosa. In loro spicca il suo trotto spettacolare: in particolare alza le mani e rimbocca molto i quarti posteriori, facendo un movimento arrotondato. È questo movimento che li ha resi famosi nel mondo dell'esibizione equina.

Hanno una testa piuttosto piccola, un po 'convessa con un profilo rettilineo, dove sono disposti due grandi occhi. La testa è coronata da orecchie piccole e mobili che sembrano sempre in allerta. Il suo collo è lungo e curvo e porta a spalle forti e un petto ampio.

Il corpo di questa razza è molto compatto e ben formato. Ha un dorso muscoloso, costole arrotondate e groppa.

I suoi arti sono medi e finiti casi arrotondati e rigidi. Ha molti muscoli negli avambracci e ginocchia lunghe e ben formate,

La sua pelliccia setosa di solito ha strati zainascastagne, castagne scure o castagne, quest'ultimo è il più comune. Nei primi secoli della razza si potevano trovare anche mantelli Tobiano neri e Tobiano colorati, anche se oggi sono estinti.

Durante il XIX e l'inizio del XX secolo, si preferivano cappotti scuri, pezzati e castani, più appropriati per guardare un'auto. Ad esempio, colori più chiari come castagna, castagna dorata, castagna rossa erano ben visti solo fino a mezzogiorno.

Come curiosità, ci sono anche Pony Hackney (con un'altezza al garrese di circa 142 cm.) il cui grazioso trotto ricorda quello dei cavalli. In loro, l'azione arrotondata del trotto è molto più pronunciata, mentre sollevano le ginocchia e piegano i posteriori in modo tale che i garretti passino sotto il corpo.

Pony Hackney

Fonte: youtube

Un po 'di te storia

Nell'Inghilterra del XVII secolo, gli allevatori di cavalli sembravano interessati a scoprire quale fosse la migliore razza di cavallo da trottatore. L'obiettivo era quello di coprire le sue famose fattrici inglesi con stalloni da trotto. Tra questo secolo e il successivo, sono state gettate le basi per molte delle razze britanniche più apprezzate oggi. Tutto frutto del lavoro degli allevatori, che hanno ottenuto record molto estesi delle razze dell'isola.

La razza Hackney in quanto tale è nata nel Gran Bretagna nel XVIII secolo. Sebbene all'inizio fossero usati principalmente come cavalli da tiro e da sellaOggi lo possiamo trovare in un gran numero di discipline equestri. Tutto grazie alla sua versatilità.

Il primo cavallo di questa razza nacque a Norfolk (Inghilterra) nel 1760. Da quel momento e grazie ai cavalli al trotto del Norfolk e dello Yorkshire, questi nuovi equini si svilupparono e acquisirono le proprie caratteristiche fino a diventare la loro razza.

Tra gli antenati della razza Hackney dal lato paterno, possiamo trovare una razza purosangue dalla linea Darley Arabian. Nel 1797, lo sport del trotto era ampiamente integrato nella vita inglese. Le fattrici con tali andature erano molto apprezzate. Sia loro che le fattrici della varietà cavallo da soma furono utilizzate dagli allevatori per rafforzare le caratteristiche dell'Hackney dell'epoca.

È diventata una razza molto preziosa. Era uno dei i cavalli da sella preferiti dalle donne a causa del suo trotto. Dalla fine del Settecento e durante la prima metà dell'Ottocento la razza fu utilizzata principalmente come cavallo da sella. Molto apprezzato anche per le gare di jogging primitive.

Il loro particolare trotto veloce e l'azione li hanno resi cavalli molto ammirati. Questo lo ha prodotto Gli allevatori di cavalli nordamericani hanno scelto questa razza per migliorare la propria caratteristica delle caratteristiche più leggere.

In questi secoli, la comunità agricola ha scoperto un cavallo utile nella razza Hackney. Oltre a servire come cavallo da sella, poteva occuparsi della fattoria in certe occasioni.

L'arrivo della ferrovia

Con l'invenzione della ferrovia la corsa di Hackney era in pericolo. La gente ha cominciato a rendersi conto che era più veloce viaggiare in treno che a cavallo. La ferrovia presto sostituì il lavoro svolto da un gran numero di cavalli al trotto. Molti allevatori pensavano che l'età dei cavalli fosse finita per sempre e smisero di fare il lavoro di riproduzione. Tuttavia, la Hackney Horse Society si è mosso rapidamente e ha salvato la razza di Hackney derivandone l'utilità verso altri compiti. La razza stava guadagnando seguaci che vedevano questi equini come ottimi cavalli per il tempo libero. Fu un buon punto a favore della razza che in quel periodo cominciò a emergere il gusto per i cavalli con andature alte, di bell'aspetto. Per questo motivo, alcuni allevatori si sono concentrati su quel percorso. La fama di British Hackney iniziò a diffondersi in tutto il mondo.

Col tempo, la razza cresceva in esemplari, acquisendone e rafforzandone le caratteristiche che oggi lo rappresentano. Per realizzare questo, nella genetica di Hackney, molte razze hanno partecipato equini. Alcuni sono: i cavalli al trotto del Norfolk e dello Yorkshire, i frisoni, i normanni, i galloway e persino gli andalusi.

Spero che ti sia piaciuto leggere questo articolo tanto quanto ho fatto io a scriverlo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   jaime suddetto

    Grazie mille per aver condiviso queste informazioni. Mi ritrovo a compilare leggende su questi equini, per lo sviluppo del turismo equestre, dopo aver esaminato i fenotipi ei centauri che volavano sulla loro schiena. La cultura equestre in ogni paese è enorme.

    saluti

    Chirone