Come fermare un cavallo in fuga

scappa

Per lo più a il cavallo si scatena perché si spaventa o c'è qualcosa che non hai controllato. Non dimenticare quello i cavalli sono molto sensibili Di fronte all'ignoto ea qualsiasi causa che provochi paura, la loro prima reazione è di galoppare via. Se a questi aggiungiamo quello che fa il pilota, è una situazione problematica che dobbiamo saper controllare per evitare mali maggiori.

Un cavallo in fuga è un cavallo incontrollato perché non si sente al sicuro e le sue azioni possono mettere in pericolo la vita del cavaliere e quella del cavallo. Possono entrare in collisione con recinzioni, recinzioni, saltare ruscelli, passaggi sopraelevati, superare strade trafficate gli equini in fuga non hanno alcun controllo.


Per questo motivo, ai cavalli durante il loro apprendimento deve essere insegnato a fermarsi formazione professionale e non tirare le redini. La redine non è un freno come se fosse una macchina che ci si calpesta e si frena all'improvviso. La briglia di un cavallo è nel suo cervello, poiché il suo cervello controlla le sue gambe. Tirare le redini dovrebbe essere usato come segnale per fermarsi ma non dovrebbe essere il meccanismo per fermarsi.

Pertanto, se troviamo un cavallo in fuga non dobbiamo tirare le redini per fermarlo perché facciamo l'effetto opposto e gli diamo più supporto per farlo continuare a correre. Alcuni cavalieri hanno la convinzione che se vanno fermi e attaccati al cavallo, arriverà un momento in cui a causa dell'esaurimento si fermerà, tuttavia tutto dipende se non ci sono ostacoli sulla strada.

Se teniamo conto che la testa del cavallo pesa circa 20 chili per controllarlo devi fargli girare la testa di lato ma senza esagerare, questo si ottiene raddrizzando e tirando una sola redine. Quando il cavallo sta correndo se si gira la testa, si cambierà il suo peso e il suo equilibrio, quindi, per non cadere e perdere l'equilibrio, il cavallo si fermerà o continuerà in tondo fino a fermarsi.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Pablo suddetto

    Grazie per il consiglio. Ieri sono caduto da un puledro spaventato e mi sono quasi rotto l'anca; è stato così veloce che ho avuto a malapena il tempo di reagire. Penso che nell'equitazione dovrebbe essere più chiaro cosa fare in questi casi e insegnarlo agli studenti, sarebbe uno sport ancora più sicuro.