Come controllare un cavallo nervoso senza morire provandoci (V)

http://youtu.be/y_lfQatkFuY

E con alcune cose e altre siamo già alla quinta puntata Come controllare un cavallo nervoso senza morire nel tentativo. Oggi parleremo di qualcosa che potrebbe essere accaduto a quelli di voi che, come me, cavalcano o hanno mai cavalcato un cavallo nervoso: quando il vostro cavallo inizia a indietreggiare, o camminare all'indietro. Forse non è comune a tutti i cavalli nervosi (fortunatamente o sfortunatamente non ho avuto modo di cavalcare molti cavalli nervosi fino a questo punto), ma è qualcosa che può succedere a te, e ovviamente i cavalli della scuola non sono esenti. Assolutamente. .

I cavalli eccessivamente nervosi (cioè quelli che vanno agli estremi) tendono a impegnarsi in tali comportamenti, come loro si sentono frustrati e bloccati frequentemente. Invece di sentirti frustrato o arrabbiarti con lui, mostra la tua intenzione di andare avanti e prendilo con umorismo, perchè no? Devi pensare che, se è così, è perché è stato bloccato (come ho già detto). Forse non hai fatto niente di male, forse camminavi con tanta calma; la calma, non importa, passerà comunque.

Non si tratta di dargli ordini confusi, anche se (ovviamente, se lo fanno per -apparentemente- niente, lo faranno se li confondi), ma che "si frustra da solo". Le situazioni lo superano facilmente, un piccolo rumore si trasforma in un temporale e quasi senza accorgersene hai un cavallo che non sa cosa fare. Lo so, suona confuso, ma è così che si lavora con i cavalli, giusto? Dopotutto, sono cavalli e noi siamo persone.

Quindi, come agire? Prima di tutto mettiti al loro posto. Immagina di essere quello che è così, per qualsiasi motivo: come vorresti essere trattato? Non vorresti che la persona con cui stai iniziando a rimproverarti o urlarti contro per averti bloccato, giusto? Vorresti affetto, comprensione, un tono morbido e così via. Bene, ecco la risposta. Certo puoi chiedergli, con gli ausili per le gambe, di camminare, ma non molestarlo; Provalo un po ', accarezzalo molto e se non funziona, rinuncia. Lascia andare le redini (lo so, nel video l'ho fatto esagerato, ma eravamo fiduciosi e lo prendiamo già tutti come uno scherzo), continua a dare amore e aspetta. Parla con lui con voce calma e, dopo un paio di minuti, riprova. E così via finché non funziona, gente. Se vuoi sapere quali sono le soluzioni che non dovrebbero essere utilizzate né per questo caso, né per il caso di alzare la testa, aspetta la sesta puntata di questa serie.

NOTA SUL VIDEO: non dare calci ai cavalli in quel modo se indossi speroni, o anche con cavalli che non sono molto fidati di quelli con cui hai già legami; vedi quanto poco mi è servito. Inoltre, non dovrebbe essere una soluzione usuale, era solo l'ultimo tentativo. Quindi, cari lettori, non copiate tutto ciò che fa l'insegnante.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.