Come vengono addestrati i cavalli danzanti?

Segui i nostri consigli per insegnare al tuo cavallo a ballare

Durante i festeggiamenti e le manifestazioni ippiche è inevitabile fermarsi a guardare i cavalli danzanti. La fiducia che gli animali hanno nei loro addestratori, il rispetto che entrambi dimostrano spesso. È un vero spettacolo che tutti dovrebbero vedere almeno una volta nella vita.

Ma come si allena un cavallo a ballare? Cosa ci vuole per farla ballare? Se desideri insegnare al tuo amico a muoversi al ritmo della musica, non smettere di leggere.

Cos'è il piaffe?

Qualsiasi cavallo può imparare a ballare con rispetto e pazienza

Per insegnare a ballare a un cavallo, la prima cosa da fare è scoprire cos'è il piaffe. Anche. Questo è un movimento simile al trotto di un cavallo che esegue su un punto. Sulla base di anni di allenamento, il cavallo arriva ad abbassare i fianchi, spostare il peso sui posteriori e sollevare il fianco destro seguendo la musica, in modo naturale. Possono così partecipare alle migliori gare di piaffe del mondo.

Ma questo non significa che solo alcuni cavalli sappiano ballare. Infatti, chiunque può imparare le orme del piaffe attraverso l'allenamento di un trucco che deve sempre finire con un premio per l'animale. Allo stesso modo, il rispetto e la pazienza sono fondamentali affinché il cavallo abbia voglia di imparare e non lo faccia per paura di possibili rappresaglie. Non dobbiamo mai dimenticare che sono animali, che hanno dei sentimenti e che, quindi, meritano il nostro rispetto.

Come si formano i cavalli danzanti?

Le sessioni di addestramento del tuo cavallo non dovrebbero durare più di 10 minuti

Una volta che questo sarà noto, sarà il momento di mettersi al lavoro, o meglio, di montare sul nostro cavallo 🙂. Pertanto, seguiremo questo passo dopo passo:

  1. La prima cosa che faremo è portalo a fare una passeggiata. Una breve passeggiata. Non si tratta di stancarlo, ma di rilassarlo un po '. È noto che lavorare con un animale calmo è molto più facile che con uno nervoso. Il primo ci presterà attenzione; l'altro preferirà non farlo.
  2. Poi, Lo trotteremo su e lo tireremo su. Muoveremo le sue spalle e le anche e gli chiederemo di alzare e abbassare la testa. Lo faremo più volte, lasciandoti riposare per qualche secondo tra esercizio ed esercizio.
    Nel caso in cui non lo faccia, o se gli è difficile farlo, invece di chiedergli tanto, quello che possiamo fare è chiedergli di alzarsi e scuotere semplicemente la testa; poi lo abbassiamo e poi gli chiediamo di nuovo di alzarsi e muovere i fianchi. Quindi, chiedergli una cosa alla volta probabilmente gli renderà molto più facile imparare ciò che gli stiamo insegnando.
  3. Ora metteremo una cavezza sul cavallo e allacciamo una corda. Mentre stiamo iniziando, una semplice cavezza e guinzaglio andranno bene; successivamente possiamo usare una briglia e una sella per collegare un lato della redine al lato destro del cavallo. Per facilitarci possiamo utilizzare entrambe le redini laterali che collegheremo dall'anello filetto alla circonferenza dello stesso lato circa 23cm sotto la schiena dell'animale. Legheremo la sua coda con un elastico in modo che non ci infastidisca.
  4. Successivamente, fermeremo il cavallo in modo che il muro o la recinzione si trovi alla sua destra. Lo staremo sul lato sinistro. Con la frusta da dressage dobbiamo raggiungere le zampe posteriori. Toccheremo la zampa posteriore sinistra fino a quando non si alza e poi le offriremo un premio. Ripeteremo lo stesso con la gamba posteriore destra.
  5. Successivamente, mettiamo la briglia o la sella e le redini laterali. Ti chiederemo di alzare a sinistra, a destra, a sinistra e ti ricompenseremo. La risposta deve essere rapida, ma lo stesso, se vediamo che ti costa, torneremo indietro e rallenteremo. Non si tratta di rendere perfetto il cavallo: la perfezione non esiste. Si tratta di insegnargli qualcosa cercando di divertirsi, e non lo farà se gli chiediamo più di quanto è capace di fare in quel momento.
  6. Infine, quello che faremo è toccare le sue zampe anteriori. Se sei nervoso, ti faremo abbassare la testa o la abbasseremo noi stessi; quindi si calmerà. Al contrario, se lo vediamo animato, lo solleveremo in modo che si senta orgoglioso. Se si comporta bene e, soprattutto, se fa un passo che sembra un ballo, gli daremo un meritato premio e lo lasceremo riposare.

Le sessioni devono durare una decina di minuti, non piu. Al cavallo deve essere impedito di sentirsi frustrato, poiché così facendo perderà interesse ad imparare a ballare. Inoltre, insisto, dobbiamo essere molto pazienti. Potrebbero volerci settimane prima che vediamo che l'animale lo sta imparando.

I cavalli danzanti della Spagna

In Spagna siamo estremamente fortunati a poter godere dello spettacolo che danno i cavalli danzanti. Soprattutto in Andalusia, questi animali sono i veri protagonisti di molti festival ed eventi, come il Festival del cavallo che si celebra a Jerez, o nella mia città Ses Salines (Maiorca) per il festival di Sant Bartomeu (fine agosto).

Con musica e costumi spagnoli tipici del XVIII secolo, i cavalli danzanti ei loro cavalieri ballano il loro meraviglioso balletto equestre utilizzando la tecnica del dressage classico e della cowgirl, dell'aggancio, del lavoro manuale e della giostra.

Sapevi come venivano addestrati i cavalli danzanti? Hai il coraggio di insegnare al tuo amico a muoversi al ritmo della musica? 🙂


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.