Bucefalo, il cavallo di Alessandro Magno

Statua di Alessandro Magno in sella a Bucefalo

Bucephalus È il cavallo di Alessandro Magno e probabilmente il più famoso dell'antichità. La sua storia, ricca di leggende, è molto interessante. Se non la conoscete, vi invito a leggere questo articolo dedicato alla fedele compagna di uno dei più importanti re di Macedonia, Media e Persia e, anche questa volta come faraone, d'Egitto.

Ti mancherà? 😉

Storia di Bucefalo

Immagine del cavallo di Alessandro Magno, Bucefalo

Bucefalo, che significa testa di toro, è il nome dato al cavallo di Alessandro Magno. Gli hanno dato questo nome perché, a quanto pare, aveva una faccia tonda, con una fronte ampia dove c'era anche una macchia bianca che, secondo si crede, potrebbe avere la forma di una stella o, forse, di una testa di toro, che non è ancora molto chiaro. Inoltre, non si sa esattamente quale sia la sua storia, in quanto abbiamo ricevuto tre diverse versioni:

La versione di Plutarco, la più tradizionale

Plutarco era uno storico, filosofo e biografo nato a Queronea (prefettura della Beozia, a Roma) durante il governo dell'imperatore romano Claudio, nato nel 46 e morto nel 127 a.C. C. La tua versione si legge in questo modo:

Il re Filippo II di Macedonia lo acquistò per tredici talenti da un Tessalico (della Tessaglia, l'attuale Grecia) di nome Filonico. Da allora l'animale divenne ruvido e selvaggio, piagnucolando e scalciando senza sosta e chiunque si avvicinasse ... finché non apparve Alessandro Magno, che si rese conto che il cavallo aveva paura della propria ombra.

Per aiutarlo a superarlo, non gli venne in mente nient'altro che voltare la testa verso il sole, accecandolo. A) Sì, Balzò in piedi e fece dire a suo padre questa frase"Figlio, trova un regno uguale alla tua grandezza, perché la Macedonia è piccola per te." Da quel momento in poi, si dice che a Bucefalo fu permesso di essere cavalcato solo da Alessandro.

Versione testuale di Pseudo Callistene

Pseudo Callistene è il nome di un libro sulla vita di Alessandro Magno il cui autore è sconosciuto, sebbene si creda che sia nato ad Alessandria, in Egitto. La sua versione dice che Bucefalo era un bellissimo cavallo, ma dominato da una rabbia selvaggia che lo ha portato a cacciare gli esseri umani per mangiarli, che è nota come antropofagia. Pertanto, lo dice Filippo costruì una gabbia di ferro dove sarebbero finiti tutti coloro che gli avessero disobbedito.

L'Oracolo di Delfi - luogo di consultazione con gli dei - disse a Filippo che, solo chi poteva cavalcare Bucefalo sarebbe stato il re del mondo e avrebbe potuto attraversare la città di Pela. Alessandro Magno, 15 anni, si avvicinò all'animale, che allargò le zampe anteriori e nitrì, ma dolcemente, come se riconoscesse il suo unico proprietario. Dopodiché, ha attraversato la città senza problemi.

Versione di Diodoro Siculo

Diodoro Siculo era uno storico greco del I secolo a.C. C. Era nato nel 90 aC. C. in Italia e morì il 30 a. C. Nella tua versione, il cavallo era in realtà un dono di Demarato di Corinto, che era un principe etrusco nato a Corinto nella metà del VII secolo a.C. C.

Cosa c'è di certo su Bucefalo?

Statua di Alessandro Magno che doma Bucefalo

Dopo aver letto le tre versioni, si potrebbe pensare che anche questo cavallo sia più parte della leggenda che della realtà. Una realtà di 2300 anni fa. Tuttavia, non dobbiamo lasciarci ingannare. L'animale esisteva davvero. Infatti, accompagnò Alessandro Magno per tutta la sua campagna in Asia contro l'Impero achemenide, finché alla fine morì all'età di 30 anni durante o dopo la battaglia di Hydaspes, combattuta dall'esercito macedone nel 326 aC. C.

Senza dubbio, deve essere stato un compagno fedele, e chissà se un buon amico, da allora Alexander ha fondato in suo onore la città di Alessandria Bucephala. Si ritiene che questo posto si trovi di fronte alla città modernizzata di Jhelum, nella provincia di Panjab, a nord-est del Pakistan.

Cosa ne pensi della storia di Bucefalo? L'hai mai letto?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.